Origini, finalità, statuto

 

 

L’Associazione “LE BALATE” nasce il 6 febbraio del 2009 per iniziativa del “Progetto ALBERGHERIA E CAPO INSIEME per la promozione umana” che accomuna in un progetto di pastorale condiviso le Comunità ecclesiali dei quartieri Albergheria e Capo e le Associazioni che con le stesse collaborano.
 

Le finalità della Associazione “LE BALATE” sono quelle proprie di “Albergheria e Capo insieme” che, nato quale impegno a riscoprire il gusto del vangelo quale scelta di vita vissuta, opera perché la Chiesa nel territorio sia non solo luogo della comunità dei credenti, ma anche segno e strumento di comunione e di lavoro sinergico per tutti coloro che credono nei veri valori dell’uomo e lavorano per la loro promozione".


Finalità quindi dell’Associazione “LE BALATE” è la promozione, attraverso iniziative ed attività culturali e sociali, della persona umana che è spesso sfigurata nel suo essere, calpestata nei suoi diritti e impedita nei suoi doveri a causa soprattutto di un deficit culturale e dalla mancanza di lavoro.

 

L’Associazione “LE BALATE” potrà svolgere tutte le attività culturali e sociali connesse al proprio oggetto sociale, nonché tutte le attività accessorie. Attività prioritaria dell’Associazione “LE BALATE” è la gestione del “CENTRO CULTURALE LE BALATE”

 

 

verbale della costituzione della Associazione di promozione sociale

"LE BALATE"

 

Il sei febbraio 2009 nei locali della Parrocchia S. Giuseppe Cafasso si sono riuniti i sigg.:

Don Silvio Sgrò
Donatella Natoli
Parrocchia San Giuseppe Cafasso rappresentata da Angela Di Grazia
Vita Sorrentino
Rosalba Morici
Anna Maria Nocchi
Associazione Teatro Atlante rappresentata da Emilio Ajovalasit
Giovanna Staropoli
Luigi Bordonaro
Tommaso Calamia
Associazione Apriti Cuore, rappresentata da Giuseppa Mattina

Per costituire l’Associazione di promozione Sociale “LE BALATE”

Si è data lettura dello statuto e si sono apportati degli emendamenti. Di seguito lo statuo emendato ed approvato

STATUTO ASSOCIAZIONE “LE BALATE”

Art. 1 – denominazione, oggetto sociale e sede
A sensi della legge 383 del 7/12/2000 e del codice civile in tema di Associazioni è costituita l’Associazione di promozione sociale, denominata "LE BALATE", per la realizzazione di iniziative ed eventi culturali al fine di arrecare benefici a persone svantaggiate in ragione di condizioni fisiche, psichiche, economiche e familiari, senza finalità di lucro e nel pieno rispetto della libertà e dignità degli associati.
L’Associazione ha durata illimitata.
L’Associazione ha sede in Palermo nei locali della Chiesa di S. Giuseppe Cafasso, Via Benedettini n. 12 Palermo

Art. 2 finalità
L’Associazione “LE BALATE” nasce per iniziativa del “Progetto ALBERGHERIA E CAPO INSIEME per la promozione umana” che accomuna in un progetto di pastorale condiviso le Comunità ecclesiali dei quartieri Albergheria e Capo e le Associazioni che con le stesse collaborano.
Le finalità della Associazione “LE BALATE” sono quelle proprie di “Albergheria e Capo insieme” che, nato quale impegno a riscoprire il gusto del vangelo quale scelta di vita vissuta, opera perché la Chiesa nel territorio sia non solo luogo della comunità dei credenti, ma anche segno e strumento di comunione e di lavoro sinergico per tutti coloro che credono nei veri valori dell’uomo e lavorano per la loro promozione".
Finalità quindi dell’Associazione “LE BALATE” è la promozione, attraverso iniziative ed attività culturali e sociali, della persona umana che è spesso sfigurata nel suo essere, calpestata nei suoi diritti e impedita nei suoi doveri a causa soprattutto di un deficit culturale e dalla mancanza di lavoro.

Art. 3 attività
L’Associazione “LE BALATE” potrà svolgere tutte le attività culturali e sociali connesse al proprio oggetto sociale, nonché tutte le attività accessorie. Attività prioritaria dell’Associazione “LE BALATE” è la gestione del “CENTRO CULTURALE LE BALATE” .

Art. 4 - i soci
Sono ammessi a far parte dell' Associazione "LE BALATE" persone fisiche, Enti, e Associazioni senza fini di lucro che accettano gli articoli dello Statuto e del regolamento interno e che condividono le finalità dell'Associazione.
L'ammissione all'Associazione è deliberata dall’Assemblea dei Soci su domanda scritta. L'organo competente a deliberare sulle domande di ammissione degli aspiranti soci è L’Assemblea dei soci.
All'atto dell'ammissione il socio si impegna al versamento della quota di autofinanziamento annuale ed al rispetto dello Statuto e dei regolamenti emanati.
I soci sono tenuti al pagamento della quota sociale entro 10 giorni dall'iscrizione nel libro soci.
La qualità di soci è subordinata all'iscrizione e al pagamento della quota sociale.
Il socio, iscritto come persona fisica, non può rappresentare Enti od Associazioni associati.
In base alle disposizioni di legge 675/97 e successive modificazioni tutti i dati personali raccolti saranno soggetti alla riservatezza ed impiegati per le sole finalità dell'Associazione previo assenso scritto del socio. Il diniego va motivato.
Il numero dei soci è illimitato.

Le attività svolte dai soci a favore dell'Associazione e per il raggiungimento dei fini sociali sono svolte prevalentemente a titolo di volontariato e totalmente gratuite. L'Associazione può in caso di particolare necessità, ivi compreso il ricorso a specifiche professionalità, assumere lavoratori dipendenti e/o avvalersi di prestazioni di lavoro autonomo, anche ricorrendo ai propri associati rispettando la normativa vigente in materia di lavoro e di sicurezza del lavoro.

Art. 5 - diritti dei soci
I soci aderenti all'Associazione hanno diritto di voto in Assemblea, diritto di eleggere gli organi sociali e di essere eletti negli stessi. Tutti i soci hanno i diritti di informazione e di controllo stabiliti dalle leggi e dal presente Statuto, tutti i soci hanno diritto di accesso ai documenti, delibere, bilanci, rendiconti e registri dell'Associazione.
Il socio non potrà essere retribuito in quanto tale, ma avrà diritto al solo rimborso delle spese effettivamente sostenute. L'Associazione si avvale in modo prevalente di attività prestate in forma volontaria e gratuita dai propri associati.

Art. 6 doveri dei soci
Il comportamento del socio verso gli altri aderenti ed all'esterno dell'Associazione deve essere animato da spirito di solidarietà ed attuato con correttezza, buona fede, onestà, probità e rigore morale, nel rispetto del presente Statuto e delle linee programmatiche emanate.

Art. 7 recesso/esclusione del socio
Il socio può recedere dall'Associazione mediante comunicazione scritta da inviare al Presidente della Associazione. Il recesso ha effetto dalla data di chiusura dell'esercizio sociale nel corso del quale è stato esercitato.
Il socio può essere escluso dall'Associazione in caso di inadempienza dei doveri previsti dall'art. 6 o per altri gravi motivi che abbiano arrecato danno morale e/o materiale all'Associazione stessa.
L'esclusione del socio è deliberata dall’Assemblea dei Soci. Deve essere comunicata a mezzo lettera al medesimo, assieme alle motivazioni che hanno dato luogo all'esclusione e ratificata dall'Assemblea soci nella prima riunione utile.
Soci receduti e/o esclusi che abbiano cessato di appartenere all'Associazione, non possono richiedere la restituzione dei contributi versati, né hanno diritto alcuno sul patrimonio dell'Associazione.

Art. 8 gli organi sociali
Gli organi dell'Associazione sono:
- L'Assemblea dei soci;
- il consiglio direttivo
- Il presidente
- Il vice presidente
- il segretario
- il tesoriere
Tutte le cariche sociali sono assunte e assolte a totale titolo gratuito ed hanno la durata di tre anni rinnovabili soltanto per un secondo mandato.

Art. 9 l'Assemblea
L'Assemblea è organo sovrano dell'Associazione. L'Assemblea dei soci è costituita dai soci fondatori e effettivi, è convocata almeno una volta all'anno dal presidente dell'Associazione o da chi ne fa le veci, mediante:
• Avviso scritto da inviare con lettera semplice agli associati, almeno 10 giorni prima di quello fissato per l'adunanza;
• Avviso affisso nei locali della Sede almeno 20 giorni prima.

L'Assemblea dei soci è convocata dal Presidente almeno una volta all'anno ed è presieduta dal Presidente stesso o da un suo delegato dallo stesso nominato tra i Soci
Deve inoltre essere convocata quando la richiede almeno un decimo dei soci.
L'Assemblea è organo sovrano dell'Associazione.
Gli avvisi di convocazione devono contenere l'ordine del giorno dei lavori e la sede ove si tiene la riunione.
L'Assemblea può essere ordinaria e straordinaria. E' straordinaria l'Assemblea convocata per modificare lo Statuto o deliberare il trasferimento della sede legale o lo scioglimento dell'Associazione. E' ordinaria in tutti gli altri casi.
L'Assemblea ordinaria è valida in prima convocazione se è presente la maggioranza degli iscritti aventi diritto di voto; in seconda convocazione, da tenersi anche nello stesso giorno, qualunque sia il numero dei presenti. E’ potere dell’Assemblea ordinaria:
• eleggere il consiglio direttivo, il Presidente, il vice presidente, il segretario ed il tesoriere
• proporre iniziative indicandone modalità e supporti organizzativi;
• approvare il bilancio consuntivo e preventivo annuale ed il rendiconto predisposto dal consiglio direttivo;
• fissare annualmente, su proposta del Consiglio direttivo, l'importo della quota sociale di adesione;
• deliberare le esclusioni dei soci;
• approvare il programma annuale dell'Associazione.

Le deliberazioni dell'Assemblea ordinaria vengono prese a maggioranza dei presenti e rappresentati per delega; sono espresse con voto palese, tranne quelle su problemi riguardanti le persone e la qualità delle persone o quando l'Assemblea lo ritenga opportuno. Ogni socio ha diritto di esprimere il suo voto e quello massimo di altri due soci che gli abbiano conferito delega.
Le discussioni e le deliberazioni dell'Assemblea ordinaria e straordinaria sono riassunte in un verbale che viene redatto dal segretario o da un componente dell'Assemblea appositamente nominato. Il verbale viene sottoscritto dal Presidente e dall'estensore e trascritto su apposito registro, conservato a cura del Presidente nella sede dell'Associazione.
Ogni socio ha diritto di consultare i verbali delle sedute e chiederne una copia.

E’ potere dell'Assemblea straordinaria
• approvare eventuali modifiche allo Statuto con la presenza di 2/3 dei soci e con decisione deliberata a maggioranza dei presenti;
• sciogliere l'Associazione e devolverne il patrimonio col voto favorevole di 3/4 dei soci.
Per l’Assemblea straordinaria non sono ammesse deleghe.

Hanno diritto di partecipare alle Assemblee, di votare e di essere eletti, tutti i soci iscritti, purché in regola con il pagamento della quota

Art. 10 - il consiglio direttivo
Ne fanno parte il presidente, il Vice presidente, il segretario, il tesoriere e altri tre membri nominati dall’Assemblea. Compiti del consiglio Direttivo sono
1. la gestione ordinaria e straordinaria dell'Associazione;
2. la redazione dei bilanci preventivi e consuntivi da presentare all'Assemblea;
3. la compilazione del regolamento per il funzionamento dell'Associazione;
4. la Relazione consuntiva sulle attività svolte nell’anno precedente e la relazione programmatica e proposte per l’anno successivo;
5. la proposta all’Assemblea della quota sociale di adesione.
Le delibere devono avere il voto della maggioranza assoluta dei presenti, a parità di voti prevale il voto del Presidente.

Art. 11- il presidente, il segretario ed il tesoriere
Compiti del Presidente:
• ha la legale rappresentanza dell'Associazione, presiede l'Assemblea;
• rappresenta l'Associazione di fronte alle autorità ed è il suo portavoce ufficiale;
• convoca l'Assemblea dei soci sia in caso di convocazioni ordinarie che straordinarie;
• dispone dei fondi sociali con provvedimenti controfirmati dal tesoriere;
• attua le direttive di attività fissate dall’Assemblea dei Soci;
• cura i rapporti con i pubblici poteri e con gli enti ed organismi privati interessati ai settori di competenza dell’Associazione;
• stipula, su mandato dell’Assemblea, accordi e convenzioni con enti pubblici e privati; incassa le somme di cui ai finanziamenti previsti all’articolo 12;
• stipula, su mandato dell’Assemblea, contratti bancari;
• apre conti correnti bancari e postali, trae assegni su di essi;
• chiede finanziamenti;
• effettua prelievi su libretti di risparmio nominativi e vincolati.

Il Vice presidente sostituisce il presidente nel caso di sua assenza nel presiedere l’Assemblea e ne svolge le funzioni per delega scritta e limitata nel tempo. Può svolgere funzioni che gli vengano assegnate dall’Assemblea.

Compiti del Tesoriere:
• curare l’attività amministrativa e contabile del sodalizio;
• redigere il libro delle entrate e delle uscite;
• custodire il fondo comune.

Compiti del Segretario
• assolvere i compiti di segreteria;
• redigere il verbale delle riunion;i
• costituire e custodire l’archivio dell’Associazione.

Art. 12 - i mezzi finanziari
L’Associazione "LE BALATE" trae le risorse economiche per suo funzionamento e per lo svolgimento delle sue attività da:
• quote e contributi degli associati;
• eredità, donazioni e legati;
• contributi dello Stato, delle regioni, di enti locali, di enti o di istituzioni pubbliche e private, anche finalizzati al sostegno di specifici e documentati programmi realizzati nell’ambito dei fini statutari;
• contributi dell’Unione europea e di organismi internazionali;
• entrate derivanti da prestazioni di servizi convenzionati;
• proventi delle cessioni di beni e servizi agli associati e a terzi, anche attraverso lo svolgimento di attività economiche di natura commerciale, artigianale o agricola, svolte in maniera ausiliaria e sussidiaria e comunque finalizzate al raggiungimento degli obiettivi istituzionali;
• erogazioni liberali degli associati e dei terzi;
• entrate derivanti da iniziative promozionali finalizzate al proprio finanziamento, quali feste e sottoscrizioni anche a premi;
• altre entrate compatibili con le finalità sociali dell’associazionismo di promozione sociale.
L’Associazione “LE BALATE” provvederà alla conservazione della documentazione ai sensi dell’art.4 della legge 383/2000 e della normativa vigente.

Art. 13 – bilancio
L'esercizio si chiude al 31 dicembre di ogni anno. Entro 90 giorni dalla fine dell’esercizio il Consiglio direttivo predispone il bilancio, che dovrà essere approvato dall'Assemblea dei soci. Verrà altresì sottoposto all'approvazione dell'Assemblea il bilancio preventivo dell'esercizio in corso.
I bilanci consuntivi e preventivi sono depositati presso la sede dell'Associazione almeno 20 giorni prima dell'Assemblea e possono essere consultati da ogni associato.

Gli utili o avanzi di gestione, nonché fondi, riserve o capitale non verranno distribuiti, neppure indirettamente, durante la vita della Associazione, salvo che la destinazione o distribuzione non siano imposte dalla legge, e pertanto l’eventuale avanzo di gestione sarà reinvestito a favore di attività istituzionali statutariamente previste

Art. 14 - modifiche statutarie
Questo statuto è modificabile con la presenza dei due terzi dei soci dell'Associazione e con voto favorevole della maggioranza dei presenti. Ogni modifica o aggiunta non potrà essere in contrasto con gli scopi sociali, con la dottrina e il Regolamento interno e con la Legge italiana.

Art. 15 - scioglimento dell'Associazione
Per deliberare lo scioglimento dell'Associazione e la devoluzione del patrimonio occorre il voto favorevole di almeno i tre quarti degli associati convocati in Assemblea straordinaria.
L'Assemblea che delibera lo scioglimento dell'Associazione nomina uno o più liquidatori e delibera sulla destinazione del patrimonio che residua dalla liquidazione stessa.
La devoluzione del patrimonio sarà effettuata con finalità di pubblica utilità a favore di associazioni di promozione sociale e/o Enti con finalità similari.

Art. 15 – disposizioni finali
Per tutto quanto non disciplinato dal presente statuto si fa rinvio alle disposizioni di legge speciali e a quelle del Codice civile.

Lo statuto è stato approvato e sottoscritto dai Soci fondatori:

Don Silvio Sgrò
Donatella Natoli
Parrocchia San Giuseppe Cafasso rappresentata da Angela Di Grazia
Vita Sorrentino
Rosalba Morici
Anna Maria Nocchi
Associazione Teatro Atlante rappresentata da Emilio Ajovalasit
Giovanna Staropoli
Luigi Bordonaro
Tommaso Calamia
Associazione Apriti Cuore, rappresentata da Giuseppa Mattina.

Si è quindi proceduto alla elezioni delle cariche sociali del prossimo triennio. Sono stati nominati con scelta unanime:

Presidente, Tommaso Calamia
Vice Presidente, Rosalba Morici
Tesoriere, Angela Di Grazia
Segretario, Emilio Ajovalasit
Consigliere, Donatella Natoli
Consigliere, Giuseppe Mattina
Consigliere, Luigi Bordonaro

Si è data quindi stesura dell’atto costitutivo che è stato approvato e sottoscritto dai suddetti soci fondatori.